Cos’è la psico-oncologia

La Psico-oncologia è un settore della psicologia clinica nato per occuparsi in modo specifico del supporto psicologico alle persone che durante la loro vita incontrano la malattia neoplastica. La reazione del paziente alla diagnosi di cancro va considerata come una risposta a uno shock legato alla minaccia esistenziale che il cancro, a livello simbolico, comporta. Da numerosi Autori sono state evidenziate alcune fasi caratteristiche di reazione psicologica alla malattia neoplastica a cui corrispondono specifici meccanismi di difesa, caratteristiche di personalità, stili di coping e capacità di adattamento alla malattia, ivi compresa la compliance terapeutica (Greer et al., 1979; Pancheri, 1984; Fornari, 1985; Burgess et al., 1988; Costantini e Biondi, 1990).

A CHI E’ RIVOLTA?
La Psico-oncologia lavora prevalentemente sul riconoscimento e sul trattamento della sofferenza psicologica legata alla malattia oncologica non solo nel paziente, ma anche nei familiari e negli operatori sanitari, allo scopo di strutturare un valido intervento di supporto psicologico al paziente e a coloro che si prendono cura di lui.

QUALI INTERVENTI SI POSSONO RICHIEDERE?

PER PAZIENTI E FAMILIARI:
• Consulenza
• Sostegno
• Psicoterapia

Lo psico-oncologo svolge le seguenti funzioni sia per pazienti oncologici che per i loro familiari e operatori sanitari:
• sostegno alle persone colpite da patologia tumorale: prendersi cura del paziente oncologico in ogni fase della malattia con lo scopo di diminuire in lui sentimenti di alienazione, isolamento e impotenza;
• sostegno ai familiari dei pazienti oncologici, nel percorso della malattia e dei trattamenti medici e nella eventuale fase successiva alla perdita, in caso di morte, per l’elaborazione del difficile processo del lutto;
• Ridurre l’angoscia, offrire una “sospensione” dall’attenzione alla malattia, e nel caso siano presenti bambini, fornire ad essi ed al loro gruppo familiare un aiuto concreto in questo percorso così complesso;
• Prendersi cura della mente nel momento in cui si sopravvivere ad un tumore, in quanto comporta anche delle conseguenze psicologiche. La vita dopo la malattia, infatti, è molto più che sopravvivere al cancro: dalla ridefinizione degli affetti e delle priorità, fino al reinserimento al lavoro, il percorso è spesso ad ostacoli.

PER OPERATORI SANITARI
• Formazione e sostegno per operatori sanitari e volontari che si dedicano alla cura dei malati di cancro e dei loro familiari. Attraverso l’organizzazione di corsi, seminari e/o convegni, giornate studio, al fine di facilitare il riconoscimento e l’elaborazione delle problematiche psico-oncologiche, favorendo lo scambio interdisciplinare ed interpersonale, per preparare ad affrontare nel modo più adeguato la realtà complessa del rapporto tra curanti, pazienti e familiari.

L’IMPORTANZA DI UN PROGETTO DI FORMAZIONE IN PSICO-ONCOLOGIA

La formazione in psico-oncologia rappresenta una delle aree che è stata valutata per gli effetti che ha prodotto sia rispetto all’assistenza e alla qualità delle cure nei riguardo dei pazienti, sia rispetto alla promozione della salute delle figure coinvolte nel processo di cura.

La formazione dell’ équipe curante è volta infatti a migliorare le capacità relazionali e comunicative al fne di facilitare gli operatori nella gestione dell’emotività dei pazienti e dei loro familiari e per favorire la qualità ella vita personale e professionale dei componenti l’équipe anche per prevenire la sindrome del burn-out.

RICONOSCIMENTO SIPO (Società Italiana di Psico-oncologia)
Tutto questo è in linea con quanto la Società Italiana di Psico-Oncologia (Sipo www.siponazionale.it), fondata nel 1985, porta avanti da anni nel nostro Paese. La Sipo raccoglie le figure professionali (psicologi, medici, in particolare oncologi e psichiatri, e altri operatori sanitari) che lavorano nell’ambito dell’oncologia e dell’assistenza alle persone malate di cancro e alle loro famiglie, affinché gli aspetti psicologici, sociali e spirituali della malattia oncologica siano tenuti nella dovuta considerazione. È inoltre obiettivo della Sipo creare le lineeguida, secondo gli standard internazionali accreditati, sulla formazione dei medici e delle figure professionali che operano nel settore oncologico e identificare la figura dello psiconcologo, il professionista psicologo o psichiatra che abbia svolto un training specifico in oncologia e nelle cure palliative. La Sipo è presente con sezioni specifiche in tutte le Regioni per favorire la cultura psiconcologica negli ospedali e nelle aziende sanitarie, nelle istituzioni e nella comunità.

(A cura della dott.ssa Maristella Taurino, Psico-oncologa di I Livello con certificazione SIPO, consigliere regionale della sezione SIPO Puglia-Basilicata).